Sotto un telo grazie al suo sorriso

4:01 PM La Nina 0 Comments

4 buche.
Una per ogni colata di cemento.

4 buche nel prato.
L'anima di ferro che prendeva forma.

Il manto del giardino.

La cannucciata a mò di pareti.

Il telo giallo rosso.

La plafoniera.

Il tuo orgoglio. La tua creatura.


E' rimasta lì papà.

Cene, compleanni, le partite di calcio, europei, mondiali, il tuo Milan, è rimasto tutto lì dentro, con la tua risata.

I divanetti di vimini, il tavolo di plastica, le sedie, le candele gialle per le zanzare. E' rimasto tutto ancora intatto, testimone dell'opera di un uomo che con poco ha saputo creare una tradizione. Una cannucciata, un telo giallo rosso e 4 sedie per unire le persone.

Solo che ora tu non ci sei più.

Ma il gazebo è ancora lì.


Baci.

Tua Nina.

4 buche. Una per ogni colata di cemento. 4 buche nel prato. L'anima di ferro che prendeva forma. Il manto del giardino. La can...

0 commenti: