S.O.S _ Save Our Skin _ part I

3:04 PM La Nina 0 Comments

Ho bisogno di dare una sterzata a questo blog; ho bisogno di nuovi stimoli, è per questo che una volta la settimana (questo sono i buoni propositi!) cercherò di trattare un altro degli argomenti con cui ho più famigliarità, si era già capito, i tatuaggi. Piccoli consigli per chi è alle prese con una delle decisioni che, come una droga, vi porterà ad amare il mondo INK; in questo contesto vi invito a mandarmi anche voi le vostre richieste, i vostri dubbi, le vostre idee, così da avere anche più materiale da trattare, la mia mail ve la ricordo: buongiornolanina@gmail.com .
 

Allora io comincio eh!

Primo capitolo: il lettering nelle frasi. Ladies.
 

Partiamo dal presupposto che il tatuaggio non è moda ma necessità, per lo meno per me, quindi se avete intenzione di tatuarvi perché va di moda fermatevi e andatevi a prendere un gelato. La cosa più scandalosa che possa sentire è (oltre al fatto che vi tatuate le stelline a vanvera) : "che ne dici se mi tatuo una frase qui…perché ci sta tutta!" , si magari una bella frase di Vasco dell'unica canzone che conoscete, che sicuro l'avete solo voi! Io la farei anche a caratteri gotici e benvenuta alla bella cagata che vi ritrovate in corpo!
La frase è qualcosa di così personale, intima e strettamente correlata al posto in cui la fate, non dovrebbe coprire buchi o non dovrebbe appiccicarsi al vostro corpo solo ed esclusivamente per mostrarla…ah perché, chiariamo anche questo piccolo punto, si essere egocentrici, si mostrare i tatuaggi, perché a noi egocentrici piace essere "ammirati", ma non ne facciamo una filosofia di disegno.

Per quanto riguarda il lettering preferisco, dove possibile, per frasi strettamente intime che hanno a che fare con persone fisiche farmi scrivere direttamente la frase dalla persona, avere quindi addosso e per sempre la sua calligrafia.


Questa foto risale a 4 anni fa, questa sono IO :) ... e quella è una frase lasciatami da mio padre, nessun font copiato da qualche sito, semplicemente la sua calligrafia.





Lei è... Lei. Una delle persone più presenti ora nella mia vita e quella è ... la mia calligrafia. 

"They are them. We are us. Fuck them All."


Cosa si fa per amicizia, eh? :)




Qui di seguito alcune foto che, per me, vale la pena tener presente per decidere sul posto da tatuare; siamo originali signorine.




 Preferiamo font delicati, puliti e armoniosi.





(pics taken from Pinterest)

 
Possiamo variare sul colore se il contesto della frase ce lo consente e se, ovviamente, il nostro incarnato può risaltarlo, il chè avvantaggia sicuramente chi ha una pelle chiara. 
Uno dei siti che mi piace consultare per il lettering di una frase è www.dafont.com , ma ne esistono a milioni, basta digitare "font" su un motore di ricerca, stampare una volte convinte e portare il tutto al tatuatore/trice di fiducia.
Per la mia ultima entry mi sono diretta verso un font tanto conosciuto quanto a volte ignorato per un bel tattoo di effetto, il carattere delle macchine da scrivere, o Typewriter . 

LIVE.LAUGH.LOVE 
Eseguito a regola d'arte da una giovanissima Francesca, che non finirò mai di ringraziare, soprattutto per la pazienza. Tratto fine e delicato, lei molto precisa. Se passate dalle parti di Pescara ve la consiglio vivamente. Lo studio si chiama The Lab, in cui lei collabora con il fratello Angelo, altro master del tatuaggio. Se volete sbriciare tra i suoi lavori potete rintracciarla su Facebook : Francesca La Rovere, o Instagram: lazia0304 .
Ragazze penso possa bastare, spero di esservi stata d'aiuto, questa rubrica può crescere anche grazie a voi.

Baci Bacioni

La Nina 






Ho bisogno di dare una sterzata a questo blog; ho bisogno di nuovi stimoli, è per questo che una volta la settimana (questo sono i buoni p...

0 commenti: