Punta, mira, lanciati.

6:15 PM La Nina 0 Comments

La velocità dell'oggetto che scagli con una fionda dipende da quanto tendi l'elastico, non puoi scalfire qualcuno rimanendo immobile. Devi necessariamente prendere la rincorsa; gli oggetti vanno sempre più lontano quando nel lanciarli sommi la tua forza.

Quando prendi delle decisioni difficili, quanto pensi di star male, quando sei convinta di esser sola stai tendendo il braccio verso te stessa; tu sei l'oggetto che stai lanciando e nel viverti stai tendendo l'elastico. Ogni volta che qualcosa ti farà soffrire l'elastico va via sempre più tendendosi. Può spezzarsi solo se non è abbastanza forte. Puoi spezzarti solo se non sei abbastanza forte. 


Succede poi, ad un certo punto, che vieni scaraventata nell'immensa gioia che questa vita ci ha dato da vivere e tu sarai piena nella tua rincorsa e cadrai lontana, cadrai sopra e al di là di tutto quello che ha permesso all'elastico di tendersi. Sorridi, sorridi e vai avanti, perché sai di non spezzarti mai e sai, quanta forza ci sarà a scagliarti lontano.
Tendi sempre te stessa verso l'infinito, prendi la rincorsa e lanciati. Le scelte che fanno male sono sempre le più difficili e fanno male perché tu possa godere successivamente del contrario. Il cuore batte e reclama felicità ma devi necessariamente passare di qui.

La tua forza, sempre.


La Nina

La velocità dell'oggetto che scagli con una fionda dipende da quanto tendi l'elastico, non puoi scalfire qualcuno rimanendo immobile...

0 commenti: