Dialoghi a metà strada

7:05 PM La Nina 0 Comments


"E' pronto? Tania è tornata, ho fame...dai, ti sei lavata le mani?"

Ti alzi dal divano, ultimo posto a destra, piedi sul tavolino, telecomando, il Tg. 

Spero non sia la minestra, odio il risucchio.

"Stamattina a lavoro?" 

Come se non lo sapessi.


"Si, moscio, ma è normale, il pomeriggio si anima di più"

"Fa pure freddo no? La gente va nei centri commerciali. Ma il pane?"

C'è chi si alza per ogni minima richiesta e va a tagliare il pane.

Non lo so quanto mi manchi, non lo so più. Ho paura di abbandonare le lacrime, le cerco per cercarti , mi chiudo per ritrovare te. Il tuo ricordo inizia ad essere cicatrice presente che a volte non fa neanche più così male. Ed ho Paura. 

"Dai cambia, metti sul 5."

Ti guardo. Viso pallido, giallo. Labbra violacee, capelli corti, ormai quasi bianchi; quelli neri resistono come resiste la tua indole di guerriero che nonostante tutto non mollerà mai.
E se anche il corpo l'hai lasciato la tua forza è il nostro emblema. Non c'è parola o pensiero che non ti sia rivolto, non c'è paragone che non ti appartenga: "se ci fosse stato avrebbe fatto meglio". 

Se ci fossi stato forse non sarei stata così forte.

"A che ora torni a lavoro?"

"Alle 4 apro, mi incammino prima però" 

"La macchina tutto ok?"

"Si Pà, tu eri anche morto quando l'ho comprata."

Mi alzo e me ne vado.

"E' pronto? Tania è tornata, ho fame...dai, ti sei lavata le mani?" Ti alzi dal divano, ultimo posto a destra, piedi sul ...

0 commenti: